7 cose che devi sapere

Il tirocinio: come funziona e quali sono le regole da seguire

Il tirocinio è un’opportunità cruciale nel percorso formativo di ogni persona.
Si tratta di un’esperienza pratica mirata a fornire agli studenti o ai giovani professionisti un assaggio del mondo reale all’interno del loro settore di interesse. Attraverso questa esperienza, si acquisiscono competenze pratiche, conoscenze specifiche e un’anteprima delle dinamiche lavorative, preparandoli in modo tangibile per il futuro professionale.

È un ponte essenziale tra il sapere teorico e la pratica concreta.

Cos'è esattamente un tirocinio?

Il tirocinio è un’esperienza formativa progettata per offrire un’occasione di apprendimento pratico all’interno di un settore specifico.

È importante sottolineare che il tirocinio non costituisce un contratto di lavoro.

A differenza di un impiego regolare, il tirocinio è finalizzato all’apprendimento, offrendo agli individui l’opportunità di acquisire competenze, conoscenze e esperienza nel campo prescelto.

Non prevede un’assunzione lavorativa o obblighi contrattuali di tipo retributivo, ma si concentra sulla formazione e lo sviluppo professionale.

Ciononostante, non vuol dire che una collaborazione di questa tipologia non possa trasformarsi in un impiego a tutti gli effetti.

Perché ospitare un tirocinio è un impegno da non sottovalutare?

D’altra parte è fondamentale ricordare che ospitare un tirocinio è un impegno di grande rilevanza per l’azienda, che non dovrebbe essere sottovalutato.

Requisiti come la supervisione attenta, la guida adeguata e l’assegnazione di compiti significativi sono fondamentali per garantire un’esperienza di tirocinio di valore.

Investire tempo e risorse per offrire un tirocinio di qualità non solo contribuisce alla formazione di nuovi talenti, ma arricchisce anche l’organizzazione con prospettive fresche e motivazione.

Elemento importante è la figura del tutor aziendale, che seguirà il tirocinante e che garantirà il valore formativo del tirocinio, gestendolo e valutandolo correttamente, supervisionando le attività svolte e al quale il tirocinante è tenuto a rendere conto.

La collaborazione dunque, dev’essere, da entrambe le parti, tirocinante e azienda.

Quando un tirocinio ha valore?

Un tirocinio ha valore quando offre un’esperienza formativa significativa e concreta:

  1. Apprendimento pratico: Se fornisce l’opportunità di applicare conoscenze teoriche in situazioni reali, permettendo agli studenti o ai tirocinanti di acquisire competenze pratiche.

  2. Mentorship e supporto: Quando è accompagnato da una guida attenta, da feedback regolari e da un sostegno adeguato da parte di mentori o supervisori.

  3. Coinvolgimento attivo: Se offre compiti e progetti significativi che coinvolgono il tirocinante nel contesto lavorativo, fornendo opportunità di apprendimento concreto.

  4. Esposizione al settore: Se consente di comprendere il funzionamento dell’industria o del settore specifico, offrendo una panoramica reale delle dinamiche e delle aspettative lavorative.

  5. Rispetto delle normative: Quando il tirocinio è svolto nel rispetto delle leggi e delle normative vigenti, garantendo la sicurezza e il benessere del tirocinante.

  6. Opportunità di networking: Se offre la possibilità di stabilire contatti professionali e connessioni nel settore di interesse, ampliando le prospettive future.

Quando un tirocinio soddisfa questi criteri, diventa un’esperienza di valore che contribuisce significativamente alla formazione e allo sviluppo professionale dei partecipanti.

Qual è la differenza tra tirocinio curriculare ed extra curriculare?

TIROCINIO CURRICULARE:

Il tirocinio curriculare è una componente formativa integrata nei programmi accademici o formativi, solitamente prevista nei piani di studio delle scuole superiori, degli istituti tecnici, dei corsi universitari o di altre istituzioni formative.

Si tratta di un’esperienza pratica, supervisionata e finalizzata a fornire agli studenti la possibilità di applicare sul campo le conoscenze teoriche acquisite durante il percorso di studio.

Il tirocinio curricolare è spesso obbligatorio per completare il percorso formativo e ottenere il diploma o la laurea, ma può anche essere facoltativo in alcuni casi.

L’obiettivo principale di questa tipologia di tirocinio è offrire agli studenti un’opportunità concreta di acquisire competenze pratiche, familiarizzando con il contesto lavorativo nel settore di loro interesse. Solitamente, il tirocinio curriculare è supervisionato da un tutor aziendale o da un supervisore designato dall’istituzione formativa, il quale guida e valuta le attività svolte dagli studenti durante il periodo di tirocinio.

TIROCINIO EXTRA CURRICOLARE

Il tirocinio extra curriculare, a differenza di quello curriculare, non è necessariamente incluso nel programma di studi o nei requisiti formativi obbligatori.

Si tratta di un’esperienza pratica e formativa svolta al di fuori del percorso accademico regolare, spesso volontaria e non legata ai crediti formativi.

Questo tipo di tirocinio è solitamente scelto dagli studenti o dai giovani professionisti interessati a guadagnare esperienza pratica in un settore specifico o a ottenere una visione più approfondita del mondo del lavoro, anche se non richiesto dal curriculum scolastico o universitario.

Il tirocinio extra curriculare può essere svolto durante le pause accademiche, nei periodi estivi o durante l’anno, e può essere sia retribuito che non retribuito.

Anche se non è parte integrante del programma di studi, può comunque offrire importanti opportunità di apprendimento pratico e sviluppo professionale.

Come accedere a tirocini extra curriculari?

Per aderire a tirocini extra curriculari, ci sono diverse opzioni:

  1. Corsi ed enti formativi: Alcune scuole, università o istituti formativi offrono supporto e informazioni sui tirocini extra curriculari. Possono avere uffici dedicati o consulenti che aiutano gli studenti a trovare opportunità di tirocinio.

  2. Portali online e siti specializzati: Esistono numerosi siti web e portali online che elencano opportunità di tirocinio extra curricolare. Organizzazioni, aziende e enti pubblicano spesso annunci su questi siti alla ricerca di tirocinanti.

  3. Aziende e organizzazioni: Puoi contattare direttamente aziende, studi professionali o organizzazioni del settore in cui sei interessato a svolgere il tirocinio. Spesso, inviando una candidatura spontanea o contattando direttamente il reparto delle risorse umane, è possibile esplorare opportunità di tirocinio non pubblicizzate.

  4. Rete di contatti: Chiedere a professori, tutor, amici o familiari potrebbe essere utile. Talvolta, le opportunità di tirocinio vengono condivise tramite passaparola o attraverso la rete di contatti.

Una volta individuata un’opportunità di tirocinio, è consigliabile inviare una candidatura completa e professionale, evidenziando le proprie motivazioni, competenze e l’interesse specifico per il settore o l’azienda in questione.

Esistono altre forme di formazione professionale?

Oltre al tirocinio, ci sono altre forme di formazione professionale, come ad esempio l’apprendistato.

Si tratta di un percorso formativo e lavorativo in cui una persona, l’apprendista, acquisisce competenze pratiche e teoriche in un determinato settore o mestiere.

Durante questo periodo, l’apprendista è impiegato in un’azienda o in un’organizzazione e riceve una formazione pratica sul campo, solitamente con un contratto di lavoro apposito.

L’apprendista ha l’opportunità di imparare direttamente sul campo, sotto la supervisione di un tutor o di un professionista esperto. Questa forma di formazione mira a preparare l’apprendista per un futuro professionale nel settore specifico.

Una delle principali differenze tra l’apprendistato e il tirocinio è che l’apprendista è considerato un lavoratore effettivo e quindi percepisce un salario, mentre il tirocinante potrebbe non essere retribuito o potrebbe ricevere solo un rimborso spese.

L’apprendistato spesso include un mix di istruzione teorica e pratica, offrendo all’apprendista la possibilità di ottenere una qualifica riconosciuta nel settore in cui si sta formando.

Il tirocinio rappresenta un’opportunità cruciale sia per il tirocinante che per l’azienda ospitante. Per il tirocinante, è un’occasione di apprendimento pratico e di crescita professionale, offrendo un’esperienza concreta per sviluppare competenze e conoscenze nel proprio settore d’interesse.
D’altra parte, per l’azienda, ospitare un tirocinante comporta responsabilità importanti: non solo fornire un ambiente di apprendimento stimolante, ma anche guidare e formare il tirocinante affinché possa diventare un professionista competente.

Questo scambio reciproco di conoscenze e opportunità fa del tirocinio una risorsa preziosa per entrambe le parti, contribuendo alla formazione di nuovi talenti e arricchendo l’azienda con nuove prospettive e idee.

Tutte le foto sono di Atelier Robert Doisneau
1. L’information scolaire, Paris, 1956
2. L’harmonica, 1938
3. Le cadran scolaire, Paris, 1956
4. Los mandiles de Rívoli, 1978
5. Les petits enfants au lait, 1934
6. Les frères, rue du Docteur Lecène Paris, 1934

Articolo a cura di Francesca Mazzucato

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

contattaci
su Whatsapp

Vuoi  partecipare ad un corso per riqualificarti nel mondo del lavoro?
Scrivici direttamente tramite WhatsApp.
Lo staff di Eduforma risponderà a tutte le tue domande!

391 7549842